Piano degli Studi


L’Istituto si propone la formazione del cittadino per l’Europa, sviluppando e consolidando negli alunni conoscenze, competenze e capacità tali da permettere l’inserimento nel mondo del lavoro e il proseguimento negli studi universitari.

SETTORE TECNOLOGICO
Biotecnologie Ambientali

Il Diplomato in “Chimica, Materiali e Biotecnologie”:
• ha competenze specifiche nel campo dei materiali, delle analisi strumentali chimico-biologiche, nei processi di produzione, in relazione alle esigenze delle realtà territoriali, negli ambiti chimico, merceologico, biologico e farmaceutico;
• ha competenze per l’analisi e il controllo dei reflui, nel rispetto delle normative per la tutela ambientale;
• ha competenze nel settore della prevenzione e della gestione di situazioni a rischio ambientale e sanitario.

È in grado di:
• collaborare, nei contesti produttivi d’interesse, nella gestione e manutenzione di impianti, tecnologici e biotecnologici;
• integrare competenze di chimica, di biologia e microbiologia, di processi chimici e biotecnologici, per contribuire all’innovazione dei processi e delle relative procedure di gestione e di controllo, per il sistematico adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese;
• applicare i principi e gli strumenti in merito al miglioramento della qualità dei prodotti, dei processi e dei servizi;

Nell’articolazione “Biotecnologie ambientali” vengono identificate, acquisite e approfondite le competenze relative al governo e controllo di progetti, processi e attività, nel rispetto delle normative sulla protezione ambientale e sulla sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro, e allo studio delle interazioni fra sistemi energetici e ambiente di lavoro e allo studio delle interazioni fra sistemi energetici e ambiente, specialmente riferite all’impatto ambientale degli impianti e alle relative emissioni inquinanti.
A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato acquisisce i dati per:
• esprimere quantitativamente e qualitativamente i risultati delle osservazioni di un fenomeno attraverso grandezze fondamentali e derivate;
• individuare e gestire le informazioni sperimentali;
• utilizzare i concetti, i principi e i modelli della chimica fisica per interpretare la struttura dei sistemi e le loro trasformazioni;
• essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie, nel contesto culturale e sociale in cui sono applicate.

Piano di studio del settore tecnologico
SETTORE TECNOLOGICO

INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE
TECNOLOGICO
PRIMO BIENNIO

DISCIPLINE 1A 2 A
Religione Cattolica/attività alt.  1 1
Lingua e letteratura italiana  4 4
Lingua inglese  3 3
Storia  2 2
Matematica  4 4
Diritto ed economia  2 2
Scienze Terra, Biologia  2 2
Scienze motorie e sportive  2 2
Scienze integrate (Fisica) 3 (1*)  3 (1*) 
Scienze integrate (Chimica) 3 (1*)  3 (1*)
Scienze e tecnologie applicate  --- 3
Tecnologie informatiche 3 (2*)  ---
Tecnologie e tecniche di rappresentazione
grafica 
3 (1*) 3 (1*) 
TOTALE ORESETTIMANALI: 32
Totale ore di lab. nel biennio: 10
Totale ore di lab. nel triennio: 27
  

 

 

SETTORE TECNOLOGICO
INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI
INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO
DISCIPLINE SECONDO BIENNIO ULTIMO
ANNO
3 A 4 A 5 A
Religione Cattolica/attività alt. 1 1 1
Lingua e letteratura italiana 4 4 4
Lingua inglese 3 3 3
Storia 2 2 2
Matematica 3 3 3
Scienze motorie e sportive 2 2 2
Complementi di matematica 1 1 ---
BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI
Chimica analitica e strumentale 4 (2*) 4 (2*) 4 (3*)
Chimica organica e biochimica 4 (2*) 4 (2*) 4 (3*)
Biologia, microbiologia e tec.
controllo ambientale
6 (3*) 6 (4*) 6 (3)
Fisica ambientale 2 (1*) 2 (1*) 3 (1*)
*Compresenza di insegnante tecnico-pratico
BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI
 



scuolanext accesso famiglie
scuolanext accesso docenti






AREA RISERVATA


user:

password:

Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.